Eolico in Europa, ogni anno evitiamo di bruciare 72 milioni di tonnellate di carbone

  Continua inesorabile il virtuoso passaggio alle energie rinnovabili e sostenibili in Europa. L'Europa ha infatti superato i 100 GW di potenza elettrica derivanti dall'energia eolica. Lo ha stimato la European Wind Energy Association (EWEA) che è stata poi ripresa dall’Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili (APER) *

Cento GW di energia eolica possono rispondere al fabbisogno per più di un anno per 57 milioni di famiglie. La produzione è equivalente all’energia prodotta da 39 centrali nucleari.

“Ci sono voluti 20 anni perchè il settore eolico europeo raggiungesse i suoi primi 10 GW connessi in rete – si legge nella nota dell’Aper – ma solo 13 di più per realizzare gli altri 90 GW: metà della produzione europea totale è stata infatti installata negli ultimi sei anni”. “Si dovrebbero bruciare 72 milioni di tonnellate di carbone ogni anno nelle centrali elettriche per produrre il corrispondente che viene prodotto con l’energia eolica in Europa. Caricare quella quantità di carbone sui treni richiederebbe 750.000 carri con una lunghezza complessiva di 11.500 chilometri, la distanza da Bruxelles a Buenos Aires “ha dichiarato Christian Kjaer, amministratore delegato di EWEA. “Nonostante si utilizzi solo una piccola parte delle risorse europee eoliche di energia, l’energia eolica sta avendo un impatto sostanziale sulla sicurezza energetica europea e sull’ambiente, e ci permette di creare posti di lavoro e di esportare tecnologia”, ha detto Kjaer.
 
 
Recenti installazioni di turbine eoliche che contribuiscono al traguardo dei 100 GW sono:
• Anholt parco eolico offshore, 400 MW sviluppato da DONG al largo della costa della Danimarca;
• Linowo, 48 MW sviluppato da EDF Energies Nouvelles Polska in Polonia;
• Ausumgaard, 12 MW sviluppato da un proprietario terriero privato in Danimarca (Jutland occidentale);
• Akoumia, 7.2 MW sviluppato dalla società greca PPCR potere sull’isola di Creta
 
 
Solo qualche giorno fa la EWEA ha pubblicato un documento in cui chiede che la UE tenga conto delle energie rinnovabili nel mix energetico futuro. “L’industria eolica europea sostiene con forza la creazione di un mercato unico dell’energia elettrica,” ha detto Paul Wilczek, Senior Advisor Regulatory Affairs di EWEA. “Se l’Europa intende seriamente decarbonizzare il settore elettrico in un modo economicamente efficace, deve creare un mercato che faciliti questa trasformazione. Il nuovo rapporto EWEA definisce un modo in cui in un mercato unico dell’energia elettrica potrebbe allo stesso tempo creare benefici per tutti i produttori e i consumatori e integrare fonti di energia rinnovabili “. Secondo la EWEA i capi di Stato hanno convenuto che l’Europa dovrebbe avere un mercato interno dell’energia entro il 2014, ma l’UE non è sulla buona strada per raggiungere tale obiettivo. Questo ottobre la Commissione europea si prepara a pubblicare una comunicazione sul mercato interno dell’energia, che dovrebbe contenere un piano d’azione per portare l’Europa più vicino a un mercato unico dell’energia.
* da gaianews.it   - 27 settembre 2012
 
 
Sullo stesso argomento