Quanti bimbi ha ucciso il mio cellulare?

 "E 'possibile che due bambini siano morti per farti avere l'ultimo modello di cellulare", spiega Jean-Bertin, 34 anni, attivista congolese in un'intervista rilasciata a IPS News.

Jean-Bertin ha un obiettivo: porre fine al silenzio sui crimini commessi nel suo paese nello sfruttamento di materie prime strategiche, materiali come il coltan. Nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) s trova oltre il 64 per cento delle riserve mondiali di coltan, il nome colloquiale africano per un materiale nero opaco composto da due minerali, columbite e tantalite.

Il tantalio, il metallo estratto dal coltan, è un metallo duro, di colore blu-grigio brillante, molto raro e altamente resistente alla corrosione. E' utilizzato nella produzione dei condensatori per apparecchiature elettroniche, come telefoni cellulari, computer e tablet, oltre a auricolari, protesi, e pale di turbine. L'estrazione del coltan alimenta uno dei più sanguinosi conflitti armati in Africa, che egli ultimi 15 anni, secondo le associazioni dei diritti umani, ha portato a oltre cinque milioni di morti, a spostamenti massicci della popolazione, allo stupro di 300.000 donne.

 

Si tratta di un dato riconosciuto dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nel 2001, che ha confermato i "legami tra lo sfruttamento delle risorse naturali e la continuazione del conflitto nella Repubblica Democratica del Congo". A partire dal 2003, il team di esperti convocati dal Consiglio di Sicurezza aveva individuato 157 tra aziende e uomini di affari di tutto il mondo coinvolti in qualche modo con l'estrazione illegale di risorse prime nella RDC. Lo sfruttamento del coltan avviene in decine di miniere informali, sparse nella foresta orientale del paese, e serve a finanziare i gruppi armati, oltre che ad arricchire i funzionari e militari. L'estrazione artigianale avviene senza controlli, i minatori lavorano in stato di semi-schiavitù, e i residui di lavorazione avvelenano la foresta circostante, come dimostrato nel 2012 dal documentario "Blood in the Mobile", del danese Frank Piasecki.

 

Il coltan illegale viene contrabbandato attraverso i paesi confinanti come il Ruanda e l'Uganda e di qui parte per l'Europa, la Cina e gli altri mercati."I gruppi ribelli proliferano a causa della ricchezza di coltan, diamanti e oro", ha detto il coordinatore dell'organizzazione umanitaria Farmamundi nella RDC, Raimundo Rivas. "Ci sono molti interessi economici in giro per il business coltan", sottolinea Jean-Bertin. Nel frattempo, nella Repubblica democratica del Congo, "gli omicidi sono reali. Il sangue è ovunque." E tuttavia," è come se il Congo non esistesse. " Secondo la Tantalum-Niobium International Study Centre (TIC), centro studi vicino all'industria, le riserve africane di coltan non sarebbero affatto la principale fonte mondiale di tantalio. L'Australia è stato il primo produttore di tantalio, recentemente affiancata da diversi paesi di Sud America e Asia. Ma non menziona che molto del prodotto africano non figura nelle statistiche ufficiali.

 

La Repubblica Democratica del Congo possiede anche ricchezze naturali, che vengono altrettanto esportate di contrabbando, come l'oro, la cassiterite (un minerale di ossido di stagno), il cobalto, il rame, legni pregiati e diamanti. Ma un paese così apparentemente ricco, si trova in ultima posizione sull'Indice di Sviluppo Umano 2011. Di fronte a questa situazione, le associazioni della società civile si rivolgono sempre più ai consumatori di prodotti contenenti questi materiali. In Spagna, una rete di associazioni non governative e centri di ricerca che lavorano sulla Repubblica democratica del Congo ha lanciato una campagna per chiedere un impegno da parte dei produttori a non usare coltan di origine illegale. Apple e Intel hanno annunciato nel 2011 che non avrebbero più acquistato tantalio dalla ex colonia belga. Nokia e Samsung hanno fatto promesse simili.

 

La scoperta di nuovi giacimenti di tantalio e il riciclaggio dovrebbe contribuire a ridurre la domanda di coltan congolese. La Samsung afferma sul suo sito web che ha provveduto a "fare il possibile affinché i nostri telefoni cellulari non contengono coltan congolese di origine illegale." Quello che manca sono norme valide per tutti gli operatori. Ma anche le campagne per il riciclo dei cellulari non sono sufficienti. Il mercato incoraggia i consumatori a sostituire il proprio telefono cellulare dopo un breve periodo di tempo, e questo significa che, anche se riciclaggio fosse praticato con successo su larga scala, il tantalio ottenuto non basterebbe a soddisfare la domanda.

 

* da www.salvaleforeste.it ,  5 ottobre 2012